lunedì, aprile 24, 2017

Lunedì Cinema - James Bond 007 - Missione Goldfinger

"- Lei si aspetta che io parli?
- No, ...mi aspetto che lei muoia"
- James Bond 007 - Missione Goldifinger -
- United Artist - 1964 -

venerdì, aprile 07, 2017

Un artista a Tempo Perso

Questa volta, per la rubrica "Consigli per l'ascolto" ho deciso di fare una scelta, oserei affermare, ...molto personale.

Il 24 marzo 2017 è uscito worldwide il mio nuovo singolo Tempo Perso.

Un progetto che ha potuto vedere la luce e prendere respiro dopo essere stato troppo, diverso tempo chiuso in un cassetto.




Disponibile in tutto il mondo sui più importanti stores digitali, 
sia per l'acquisto, sia per lo streaming.




Ascoltatelo, compratelo, e poi continuate ad ascoltarlo.
Tornate nei miei profili social, e fatemi sapere cosa ne pensate, cosa vi è piaciuto, cosa non vi è piaciuto, ...il vostro riscontro è fondamentale.

Non dimenticate di recensire il vostro ascolto e di lasciare una preferenza sullo store dal quale lo state ascoltando in streaming o lo state acquistando.

E' un grande piacere ed una grande soddisfazione aver realizzato questo brano e spero che possa essere di vostro gusto e gradimento come lo è stato per me realizzarlo e suonarlo.


Prima di tutto, vorrei ringraziare tutte le persone che in questa settimana di lancio, hanno avuto il piacere di ascoltare, apprezzare, comprare e recensire, Tempo perso.

Grazie mille

Il vostro supporto è fondamentale in questa fase del mio progetto musicale.

Per migliorare le visite e le visualizzazioni in tutti i miei canali, profili e pagine social media, ho realizzato un piccolo trailer, per invitare nuovi e vecchi ammiratori ad ascoltare e/o comprare la mia canzone, disponibile su tutti gli store digitali e anche in streaming.

Iscrivetevi nel mio nuovo canale Youtube, ho bisogno di voi e del vostro sostegno, ...condividete più che potete questo trailer.




Grazie per queste settimane a Tempo perso.



giovedì, aprile 06, 2017

L'intervista: Noemi Garbo, cantante e attrice




Ciao, come stai?
Ciao Flavio, tutto bene, grazie! ;)

Benvenuta nel mio blog,... è un vero piacere averti qui,...

Presentati,...
Sono Noemi Garbo, ho 31 anni, ...sono nata a Giaveno (To) e vivo in provincia di Torino, ...sono cantante e attrice, o attrice cantante, ...o cantattrice, ....eheh!!!


Adoro il termine cantattrice, ...è creativo,...
Cosa stai facendo attualmente?
Lavoro con la Compagnia BIT (Balletto Impronta Torino), in alcuni spettacoli che hanno realizzato in questi anni e in particolare nel nuovo musical 


"Il Principe Ranocchio - Il musical" 

interamente inedito di produzione originale della Compagnia stessa, dai testi, alle musiche, ai costumi, alle scenografie...
Regia e libretto sono di Melina Pellicano, mentre le musiche sono di Marco Caselle, Stefano Lori e Gianluca Savia.

Un gran bel progetto...

Poi ci sono le Robin Gals, della Fondazione Gabriele Accomazzo per il Teatro.
Le ragazze pettirosso, o ragazze del juke-box, trio a voci armonizzate in cui ho il ruolo di primo soprano, insieme a Daniela Placci, secondo soprano, Oli Nishi, contralto e Paolo Volante arrangiamenti e accompagnamento al piano.
Sempre con Paolo al pianoforte, attualmente sta andando in scena lo spettacolo che ho scritto io,...


"MusicAll"

una carrellata di canzoni famose tratte dai musical più celebri della storia, legate insieme da una storia a metà fra magia, sogno e realtà che fanno da filo conduttore e che interpreto nel doppio ruolo di attrice e cantante! 
Poi collaboro con la regista Manuela Tamietti, nelle diverse proposte teatrali delle Associazioni Storie di Piazza, Amici della Lana e Teatro OZ.
Infine ho i miei progetti di poesie interpretate e fiabe sul mio canale Youtube ladypiperita.
E poi jingle, spot radiofonici, audioletture,...

  
In quali città lavori?  
Collaboro in diverse realtà con sede a Torino e nel biellese, ma poi ci  spostiamo in tutta Italia per fare spettacolo  


Quali sono gli aspetti positivi della tua professione?  
Io credo che chi fa questa professione con serietà e passione possa affermare che sia il lavoro più bello in assoluto, perché si impara sempre qualcosa di nuovo, si conoscono luoghi, persone e culture differenti, si impara a studiare, a vivere e sentirsi vivi, ad ascoltare, a cercare di comprendere gli altri e se stessi, si vivono esperienze ed emozioni indescrivibili a parole, si ottengono grandi soddisfazioni dopo lunghi e spossanti periodi di lavoro, sempre per migliorarsi e per realizzare ciò che la creatività e la fantasia suggeriscono e si ha la possibilità di esprimere a chiunque voglia assistere la parte migliore di sé!  

Per non parlare dell’affetto e del sostegno incondizionato di coloro che apprezzano e capiscono quanta fatica ci sia dietro al risultato finale che si presenta ai loro occhi e alle loro orecchie.  

Sai... non è possibile descrivere a pieno a parole la bellezza di questo lavoro...le parole sono troppo riduttive per tutta la gioia e le sensazioni che ho il privilegio di vivere grazie a questo lavoro, ...ed è questa bellezza, questa energia, questa sete di conoscenza e di condivisione la motivazione per cui mi rialzo col sorriso da ogni caduta, sono disposta a faticare tutti i giorni, anche quando si sentono le ossa spezzate...

"E ciò che trovo meraviglioso è che tutto ciò che posso vivere di così splendido posso condividerlo con le persone che amo, con la mia famiglia, il mio fidanzato, i miei amici..."


Molto bella la tua risposta, ...ma lo sai che devo anche chiederti quali siano quelli negativi?  
Purtroppo viviamo in un periodo storico in cui è difficile riuscire a fare capire che questo è un lavoro e che va pagato dignitosamente, come tutti gli altri lavori.  
Dietro a uno spettacolo ci sono mesi e mesi di studio, di lavoro, di prove...per non parlare dell’investimento di tempo, energie e denaro durante gli anni precedenti per la formazione e durante tutto il corso della professione per migliorarsi...  
Purtroppo ci sono molti che si improvvisano, senza avere basi solide di studio e si svendono, rovinando il mercato a chi lo fa di professione.  

"Esiste una diseducazione di fondo del pubblico moderno, diseducazione culturale e sociale fondamentalmente derivante da distorsioni del mondo dello spettacolo offerte da strumenti di divulgazione nati inizialmente per divulgare cultura e poi decaduti a mero strumento di guadagno facile a scapito delle convinzioni e dell’educazione sociale"

Da questo deriva anche il famoso discorso della visibilità...che molto spesso viene utilizzato da chi è solito sfruttare in maniera disonesta il lavoro altrui promettendo aria fritta.  

Purtroppo in questa maniera si innesca un circolo vizioso in cui spesso anche chi fa questo lavoro si presta e rimane intrappolato, andando incontro alla svalutazione del ruolo dell’attore/cantante professionista.  

Purtroppo il Paese in cui viviamo non investe sulla cultura, in Italia si potrebbe vivere di cultura, turismo e spettacolo...questi potrebbero essere il motore dell’economia del nostro meraviglioso Stato...che anzi taglia anche i pochi fondi a disposizione e ci mette tutti in ginocchio sia a livello economico sia a livello socio-culturale...
...e poi c’è il discorso della frenesia, forse anche a causa della tecnologia avanzata, i tempi sono accelerati, sotto moltissimi aspetti la tecnologia è uno strumento formidabile, anche nel nostro settore, ma il rovescio della medaglia è che molti perdono la percezione del lavoro umano che sta dietro...quello ha i suoi tempi per poter maturare, sedimentare ed essere pronto.

Come i frutti...se si colgono troppo presto sono acerbi...così per le canzoni, le letture interpretate, gli spettacoli teatrali: più si ha il tempo e le condizioni giuste per prepararli, meglio riescono e, di conseguenza sono apprezzabili e vendibili.

Il grosso problema è che a non rendersene conto non sono solo coloro che non conoscono a fondo questo lavoro, ma anche molti “addetti ai lavori”, che non lasciano il tempo adeguato per prepararsi...


Conoscevi già qualcosa di questo settore?  
Quando ho iniziato non conoscevo molto di questo settore...tante dinamiche si conoscono solo facendo esperienza


Come hai scoperto questa professione?  
Ho iniziato a studiare per passione, sin da quando ero piccola ho sempre amato dipingere, cantare,...

"...giocare a fare spettacolo,..."
  
...e man mano che son cresciuta ho raggiunto la consapevolezza di volerlo fare per lavoro e di inseguire questo sogno.


Mi piace molto la frase "giocare a fare spettacolo".
C'è complicità con i tuoi/le tue colleghi/colleghe di lavoro?  
Sì, sono contenta, fiera e orgogliosa dei miei colleghi e colleghe con i quali collaboro attualmente.


Secondo te, quali sono le qualità professionali che si dovrebbe possedere per fare il tuo mestiere?

"Determinazione, Disciplina, Educazione, Rispetto,  
Amore per ciò che si fa e per sé stessi,  
Coraggio, Puntualità, Precisione, Chiarezza,  
Coerenza, Voglia di migliorarsi"


Potresti gentilmente raccontare qualche aneddoto divertente riguardante la tua professione?  
Per fortuna ne ho moltissimi, ma ne scelgo uno abbastanza recente che rimarrà sempre nel cuore e che mi fa ridere tutte le volte che ci penso... è successo l’anno scorso.

Avevamo un concerto serale in un locale, che è capitato proprio la sera prima del compleanno di una delle mie colleghe nonché amica, così ho aspettato che scoccasse la mezzanotte e che il locale si svuotasse per dedicarle al microfono un "Tanti auguri" in stile Marilyn, storpiando un po’ le parole così per giocare.

Avevo tenuto il  costume di scena, sarei andata poi più tardi a cambiarmi, ma siccome le scarpe con i tacchi mi facevano male ai piedi per via della serata, le avevo tolte subito e finita la dedica, dopo un bel brindisi, ci siamo avviate al camerino per cambiarci.
Per arrivare al camerino bisognava attraversare tutto il locale, molto grande, e passare dietro le cucine e io l’ho fatto naturalmente senza le scarpe perché non riuscivo più a indossarle per il male.
A fine serata è normale che dietro le cucine il pavimento sia un po’ umido, stavano iniziando a fare le pulizie di chiusura...e perciò mi sono trovata in difficoltà, mi sarei bagnata e sporcata le calze...la cosa divertente è che la scena che sto per raccontare è capitata sotto gli occhi stupefatti di tutti i cuochi e i camerieri che si sono avvicinati per vedere cosa stessimo facendo, ma sono rimasti immobili a osservare divertiti e c’era anche chi ci dava consigli!  

Ahahah!  

Allora: è successo che per aiutarmi, la mia amica con istinto di salvataggio si accovaccia e mi dice: “Vieni! Ti porto io a spalle!” ...notare che lei aveva ancora indosso i tacchi alti e io portavo tra le braccia il quaderno con i testi delle canzoni e altri fogli svolazzanti...un po’ titubante ma incoraggiata nel vederla così sicura tanto da insistere nell’affidarmi alla sua soluzione, mi avvicino e le salto in groppa, ma ovviamente lo slancio e il mio peso la sbilanciano sui tacchi e scivoliamo e per poco non cadiamo a terra, con tanto di fogli che svolazzano e cadono sul pavimento bagnato, un pasticcio, e noi che non riuscivamo a trattenerci dalle risate per la malsana idea...è successo tutto molto velocemente eh...una vera scena da film!  

Per fortuna non abbiamo sporcato i nostri bei costumi eleganti e io sono stata accompagnata in camerino in braccio da uno dei ragazzi della cucina! 
Ahahah!!! Una scena davvero buffa!!!


Ahahah, ...in effetti deve essere stata molto buffa come situazione.
Come descriveresti con tre aggettivi il tuo lavoro?  

"Emozionante, Avventuroso, Meraviglioso"





Parliamo dei tuoi studi,...
Che genere di percorso formativo ti ha portato fin qui?
  
Liceo Scientifico;
Laurea triennale in DAMS a pieni voti;  
corso professionale triennale di recitazione e doppiaggio;  
8 anni di canto in coro;  
6 anni di lezioni private di canto; 
una serie interminabile di corsi e laboratori di recitazione;  
danza e canto, che continuo tutt’ora, ogni anno ne seguo almeno uno o due per migliorarmi, imparare cose nuove per me, molta gavetta...studio, lavoro, provini, concorsi...


Perché hai scelto questo tipo di formazione?  
Per passione, interesse, curiosità, voglia di migliorare  


Quali erano le tue materie preferite? e perchè?? 
Al Liceo mi piacevano molto Chimica, Letteratura Italiana, Storia e Filosofia...anche Matematica mi piaceva.

"Mi incuriosivano e mi affascinavano,... matematica mi divertiva, era bello come spiegava la professoressa.  Anche gli altri professori delle materie sopra mi piacevano molto"


Quali invece quelle che odiavi?  
Nessuna in particolare.
No aspetta, forse Fisica, non avevamo avuto delle buone basi... e non mi è piaciuto molto analisi di Matematica in quinta superiore, è stato lì che mi sono definitivamente detta:  

"La Matematica non sarà mai il mio mestiere” (Per citare Venditti...eheh! :) )

...anche Scienze della Terra in quinta superiore non mi era piaciuta molto...ma quello per colpa del libro di testo che avevamo, sì quel libro lo odiavo proprio.
Ah, all’Università ho odiato con tutte le mie forze il corso di Informatica,...


Il tuo piano di studi ti ha effettivamente aiutato nel tuo lavoro?  
Io credo che qualsiasi cosa si studi serva al proprio bagaglio personale, che poi si applica anche in ambito lavorativo... sì io sono molto contenta del percorso di studi che ho intrapreso e mi reputo molto fortunata per avere avuto la possibilità di farlo


Mentre studiavi ti è capitato di svolgere qualche lavoro?  
Sì, aiutavo i miei nella loro attività...e poi la famosa gavetta...





Parliamo un po' di te,...

Hai qualche hobbies?  
Colleziono francobolli (Quelli staccati da lettere e cartoline eh?! Non quelli che si comprano in filatelia)


Hai qualche talento nascosto?  
...sono molto brava con infusi e dolci, mi riescono bene...mi piace cucinare...vale come talento nascosto?


Beh, ...non sono poi tanto nascosti, ma vanno bene lo stesso, ...ahah.
Quali sono i tuoi piatti preferiti?  
Dolci di tutti i tipi, Fritti in quantità, pizza...


Cosa ti piace e cosa non sopporti della città in cui vivi?  
Abito a None (To). 
Mi piace la mia casa :) ed è ben servita dai mezzi pubblici, quando c’era il negozio dei miei mi piaceva anche quello, ora sono andati in pensione...non sopporto l’odore che in estate si diffonde nell’aria verso sera...siamo in campagna e non molto lontano da casa mia c’è un allevamento di maiali...e siccome è anche zona un po’ paludosa sempre in estate c’è una quantità incredibile di zanzare.
Mi piacciono i suoi portici e il centro è carino, ...e mi piace moltissimo la parte della campagna dove poter fare delle belle passeggiate e biciclettate, ammirando le montagne che si scorgono benissimo, ...mi piace anche la calma che c'è di notte.  
Sono affezionata al paese in cui vivo.






Parliamo di musica,...

Che genere di musica ascolti?
  
Spazio molto, mi piace ascoltare la musica di epoche diverse, dalla classica, al rock, al pop, al metal, al celtico, allo steampunk, allo swing, alla musica popolare, al cantautorato, rock and roll, colonne sonore dei film, brani tratti dai musical,...
Sono sempre curiosa, ascolto un po’ di tutto...


Consigliami un brano da ascoltare quando sono allegro e quando sono triste.  

"Quando sei allegro potresti ascoltare  
Swanee river” suonata da Django Reinhardt e Stéphane Grappelli  
...quando sei triste, ...dipende... se vuoi qualcosa che ti culli nella tua tristezza, che ti consoli o che ti rallegri o ancora che ti infonda forza...la lancio lì...prova con  Biscaya”  di James Last...a me infonde una dolce serenità..."


Prometto di ascoltare i tuoi consigli, ...vai al cinema?  
Sì parecchio :)


Hai qualche film preferito?  
Il favoloso mondo di Amélie”

...è uno dei miei preferiti...ma ne ho tanti altri...


Anche in questo caso ti chiedo di consigliarmi un film assolutamente da vedere (...anche vintage)  
L'hai visto “Il favoloso mondo di Amélie”?


L'ho visto e mi è piaciuto, nonostante sia un film fuori dagli schemi classici.  
Che libri ti piace leggere?  
Mi piacciono i romanzi...tipo “Orgoglio e Pregiudizio”, “Cime Tempestose”, “Camera con vista”...mi piacciono i romanzi ispirati a vicende storiche o fantasy...mi piacciono le poesie...


Pratichi qualche sport?  
...mi alleno in palestra e per gli spettacoli...si può considerare sport?  


Secondo me sì, ...per me è palestra anche giocare con la mia bambina, ...quindi fiugrati. Ahahah!!
Hai qualche mito sportivo?  
Non seguo molto lo sport e nemmeno il calcio, ma mi piace Roberto Baggio.


Un grande mito oserei dire, un calciatore unico per stile e gioco.
A proposito, ...se me lo permetti facciamo un piccolo gioco.

Ti leggo tre citazioni, senza nominarti la fonte:

"Una risata può essere una cosa molto potente"
"Chi ha il coraggio di ridere è padrone del mondo"
"Ridere significa godere dell'altrui sofferenza, ma con la coscienza tranquilla"

...quale di queste citazioni rappresenta il tuo spirito? E perché?
"Chi ha il coraggio di ridere è padrone del mondo"
Perché credo che ridere sprigioni energia positiva dentro e attorno a noi, che sia un fenomeno contagioso...e che tenga lontane le persone negative e lamentose.,..se si ha la forza di ridere e di apprezzare ciò che si ha, lavorando onestamente con sé stessi e con gli altri per,...

  "...ottenere ciò che si desidera, si vive bene,  
perciò si è padroni del mondo ed è bello sorridere al mondo e alla vita.  
L’amore genera amore, l’energia positiva genera energia positiva, l
a vita genera vita, ...la scintilla di tutto questo può essere una risata"


La citazione è di Giacomo Leopardi,...
Dimmi 5 cose che ti fanno ridere e/o sorridere.
...è difficile, io rido e/o sorrido quasi sempre...c’è da preoccuparsi quando non lo faccio...


In senso generale qual è il più grande sacrificio che hai dovuto sopportare per inseguire le tue aspirazioni, i tuoi sogni, le tue passioni?  
Lavori non pagati...cosa che nessuno, mai, in nessun caso dovrebbe permettersi di far fare a ragazzi che lavorano per imparare un mestiere e a nessun altro, il lavoro va retribuito sempre.


Parole sante!!  
Hai un desiderio o un sogno che ancora non sei riuscita a realizzare?  
I sogni non si svelano...si perseguono! ;)


Un'altra bellissima risposta. Quali sono i tuoi progetti futuri?


"Progetti futuri ce ne sono eccome,...
grandi novità bollono in pentola e verranno presto svelate...ma che ne dici se ne parliamo in una seconda intervista? 
Così non spoilero troppo prima del tempo..."


Mi trovi d'accordissimo. Grazie per questa splendida intervista, ...in bocca al lupo e a presto
Grazie a te  

lunedì, aprile 03, 2017

Monday Movies - The Italian Job


"You're only supposed to blow the bloody doors off"
- The Italian Job -
- Paramount Pictures - 1969 - 




Un Lunedì Cinema diverso, per la prima volta inserisco una citazione in lingua originale perchè semplicemente "spacca".
Scusate il ritardo, sono stato impegnato nella promozione del mio nuovo singolo Tempo Perso, pertanto ho dovuto slittare il nostro appuntamento quotidiano.

lunedì, marzo 20, 2017

Chuck Berry - Johnny B. Goode

Il destino a volte sa essere bizzarro.

Venerdì scorso, avrei dovuto pubblicare un nuovo post dedicato alla rubrica "Consigli per l'ascolto".
Avevo già qualche idea.
Un impegno importante mi ha portato ad essere fuori casa, ...poi pranza, prendi la bimba all'asilo, torna a casa, gioca con la bimba, ...insomma non c'è stato il tempo necessario per scrivere un articolo.

Mea culpa.

Nel frattempo, arriva la notizia:

Chuck Berry è morto, alla veneranda età di 90 anni.


Nato a Saint Louis nell'ottobre 1926, Charles (questo era il suo vero nome) Berry è considerato uno dei padri fondatori del rock 'n roll.
Per molti musicisti "moderni" è stato un punto di riferimento, ...una vera fonte di ispirazione.

Indimenticabili le sue: Roll over Beethoven, ...Sweet Little Sixteen, ...Rock and Roll Music.

Non possiamo definirlo una persona misurata, ...la sua carriera è stata frenata molto dalla sua indole disequilibrata, che lo ha portato in diverse occasioni dietro le sbarre di un carcere, ...tuttavia Charles ha saputo riprendersi dagli urti della vita, e si è sempre ripreso, ...senza mollare un colpo.

Ogni grande musicista ha un brano, ....una canzone con cui è conosciuto universalmente.
Berry è conosciuto al mondo per essere il compositore di un evergreen immortale

Johnny B. Goode

Nel 1958, raccontando la storia di un giovane ragazzo di campagna che diventa una stella del rock, compie il vero miracolo musicale.
L'atmosfera rurale fa da sfondo al sogno americano di un chitarrista che non sa nè leggere, nè scrivere bene, ma sa suonare la chitarra come il campanello di una porta.
Un viaggio in una nuova religione, il rock 'n roll.

La canzone Johnny B. Goode è stata inserita dagli Stati Uniti nel Voyager Golden Record, un disco a bordo della sonda spaziale Voyager, al momento in viaggio nello spazio interstellare, costruito al fine di essere trovato da una civiltà aliena o per la specie umana futura.

Famosissimo il tributo a Chuck Berry, nell'altrettanto celebratissimo film "Ritorno al futuro", in cui Marty McFly (Michael J. Fox) suona un'infuocata Johnny B. Goode ad una platea di liceali alla serata del ballo.

Forse tutto iniziò lì?

lunedì, marzo 13, 2017

Lunedì Cinema - Apocalypse Now

"...Non c'è nient'altro al mondo che odora così. 
Mi piace l'odore del napalm di mattina.
Una volta, una collina, la bombardammo per dodici ore, e finita l'azione andai lì sopra. 
Non ci trovammo più nessuno, neanche un lurido cadavere di Viet. 
Ma quell'odore... si sentiva quell'odore di benzina. 
Tutta la collina odorava di... 
...di vittoria. 
Prima o poi questa guerra finirà."
- Apocalypse Now - 
- United Artist - 1979 -

venerdì, marzo 03, 2017

Katie Melua - Nine Billion Bicycle

Lei è Katie Melua.
Georgiana di nascita, ma naturalizzata britannica, classe '84.

Nine Billion Bicycle (classe 2005) è un canzone molto raffinata, contenuta nel disco "Piece to piece", probabilmente uno dei più significativi della sua carriera.
Questo brano è una miscela di candore, che strizza l'occhio al soft jazz e alla musica orientale.
Le liriche sono nelle corde di un'artista acqua e sapone, morbide al primo ascolto ma capaci di incantare l'ascoltatore più distratto.

Qualcuno la potrebbe definire "Music for elevator" (Musica per ascensore) e forse per certi punti di vista potrebbe esserlo, ma Nine Billion Bicycle è qualcosa di molto più profondo, ...che ti permette di accompagnarti per mano attraverso un prato verde a piedi scalzi.

Ricordo ancora la prima volta che sentii questa canzone,...

 ...una sensazione di quiete dopo una tempesta, una serenità colta all'improvviso.



Tutte le canzoni come già detto e scritto in precedenza hanno la capacità di regalarci un'emozione, ...empatia.
Personalmente parlando, questo brano ha la grande capacità di infondere armonia, ...con leggerezza e disarmo.

"Ci sono 9 miliardi di biciclette a Pechino, 
questo è un dato di fatto, una cosa che non puoi negare, 
come il fatto che ti amerò fino alla fine dei giorni,..."


Fonti e sorgenti:
Katie Melua Official Site

lunedì, febbraio 27, 2017

Lunedì Cinema - Best Makeup and hairstylist - Oscar 2017

Per la consueta rubrica Lunedì Cinema, dedicata alle citazioni, ho voluto cambiare per poter dare voce ai vincitori dell'Academy Award 2017 per il miglior trucco e acconciatura.

Ieri sera le premiazioni.

L'Oscar è stato vinto da:

Alessandro Bertolazzi, Giorgio Gregorini e Christopher Nelson 

per il film Suicide Squad.

"...I'm an immigrant, I come from Italy, 
I walk around the world and this is for all the immigrants,... 
...for the immigrants,..."
- Alessandro Bertolazzi - 


Una stoccata e una velata critica alle ultime politiche in tema di immigrazione volute dal neo presidente degli Stati (Dis?)Uniti d'America, Donald Trump.



Perchè ho voluto creare questo post diverso dal solito?

La risposta è dentro di noi, cittadini del mondo, che vedono il mondo con gli occhi di un sognatore alla John Lennon, ...un mondo fatto di ponti e tolleranza, di solidarietà e aiuto sociale.

venerdì, febbraio 17, 2017

A-ha - Take on me


1984 o 1985?

La prima release di questo singolo è datata ottobre 1984, ...anche il brano aveva un sound diverso, meno incisivo, anche se la struttura del pezzo era la stessa (in basso il videoclip della prima versione).
Nel 1985 per l'uscita di Hunting High and Low i norvegesi A-ha, ripresentano il loro brano, con un arrangiamento e un sound più diretto, pulito e di grande effetto, ...in pratica più tiro.

Signore e signori, Take on me rappresenta la quinta essenza del pop targato anni Ottanta.
Non si può menzionare questa decade senza citare questa canzone.

Un brano sontuoso, meraviglioso, supportato da un videoclip che resta ancora oggi una pietra miliare, e lo sarà ancora per molto per gli anni a venire.

Quando arrivò in Italia, questo singolo divenne un successo.

Dopo Thriller (Michael Jackson) e Sledgehammer (Peter Gabriel), Take on me è probabilmente il videoclip più importante e tra i più cliccati e ricercati in rete.
Diretto da Steve Barron, Take on me ha vinto numerosi premi agli Mtv Video Music Awards, ...una leggenda, un mito senza tempo che rompe le barriere del tempo per fare breccia nei nostri cuori ancora oggi.
Si tratta di un video con un'idea originalissima, talmente radicato nella cultura pop, che oggi sarebbe impossibile crearne uno simile senza di fatto citarlo.

Take on me, non è solo un video iconico, è soprattutto una canzone o se preferite il racconto di un amore, perso tra giornate infelici e timidezze.

Se avete più o meno la mia età (classe 1973), riascoltate Take on me e se vi fate prendere dalla nostalgia, ...beh, lasciatela fare, ...se invece siete giovani, ascoltatela e fatevi guidare, dal ritmo, dalle parole, dalle emozioni, ...ma fatevi guidare, ...fatevi prendere!!!




mercoledì, febbraio 15, 2017

Francesco Gabbani - Occidentali's Karma

Essere o dover essere
il dubbio amletico contemporaneo
come l’uomo del neolitico
nella tua gabbia 2×3 mettiti comodo
intellettuali nei caffè, internettologi
soci onorari del gruppo dei selfisti anonimi
l’intelligenza è démodé
risposte facili, dilemmi inutili

AAA cercasi (cerca si)
storie dal gran finale
sperasi (spera si)
comunque vada panta rei
and singing in the rain

Lezioni di Nirvana
c’è il Buddha in fila indiana
per tutti un’ora d’aria, di gloria
la folla grida un mantra
l’evoluzione inciampa
la scimmia nuda balla
occidentali’s karma
occidentali’s karma
la scimmia nuda balla
occidentali’s karma

Piovono gocce di Chanel
su corpi asettici
mettiti in salvo
dall’odore dei tuoi simili
tutti tuttologi col web
coca dei popoli
oppio dei poveri

AAA cercasi (cerca si)
umanità virtuale
sex appeal (sex appeal)
comunque vada panta rei
and singing in the rain

Lezioni di Nirvana
c’è il Buddha in fila indiana
per tutti un’ora d’aria, di gloria
la folla grida un mantra
l’evoluzione inciampa
la scimmia nuda balla
occidentali’s karma
occidentali’s karma
la scimmia nuda balla
occidentali’s karma

Quando la vita si distrae
cadono gli uomini
occidentali’s karma
occidentali’s karma
la scimmia si rialza
Namastè alè


Francesco Gabbani, carrarese, classe '82 è il vincitore della 67ma edizione del Festival di Sanremo.

Meritatamente, è il primo cantante nella storia del Festival ad aver vinto consecutivamente l'edizione giovani e big.
Autore, compositore e musicista, Francesco Gabbani è un'artista poliedrico, che si è saputo affermare con spirito d'abnegazione e iniziativa creativa.
"Amen" è la canzone con cui l'anno scorso si è imposto tra i giovani, quest'anno è toccato a Occidentali's Karma, un brano elettropop, divertente e dal ritornello tormentone.

Eh sì, ragazzi, ...e così che funziona, ...trovate, un testo accattivante (in questo caso una satira sociale contro i bellimbusti di Internet), una musica semplice ma d'impatto sonoro, un pizzico di discipline orientali et voilà, ...il brano vincente è pronto.

Oltretutto son convinto che cantare a Sanremo: "Lezioni di Nirvana, c'è il Buddha in fila indiana,..." vestito da gorilla, sia da "folli", o da geni, ...o forse da entrambi.
Follia e genialità sono una sinergia perfetta.

Per carità, l'idea del gorilla non è originale, ma anche Daniele Silvestri si era presentato sul palco di Sanremo con dei cartelli con su scritto le parole della sua canzone come il quel famoso video di Bob Dylan.
Mi sembra pleonastico dover trovare la polemica a tutti i costi e fare le pulci per ogni dettaglio, ma questo è Sanremo.
L'oppio dei poveri è sempre alla ricerca del sensazionalismo, della popolarità finta e costruita solo per gettare discredito.
Io credo nel Karma, e so che prima o poi tutto torna e io lascerò scorrere (panta rei).

La visione giusta è quella d'insieme, difficilmente ci scorderemo questo brano, perchè è un brano leggero, pop, divertente che fa divertire, ...con i migliori auguri dei suoi colleghi musicisti e dei suoi fans.

In bocca al lupo, ...anzi alla scimmia.

Namastè.



Fonti e sorgenti:
Francesco Gabbani Official Site

lunedì, febbraio 13, 2017

Lunedì Cinema - Se mi lasci, ti cancello

"...che schifo di freddo su questa spiaggia.
Montauk a Febbraio, geniale Joel, geniale! 
Pagine strappate. Non mi ricordo d'averlo fatto. 
Sembra la prima cosa che ci scrivo sopra da due anni. 
La sabbia è sopravvalutata, sono solo sassi minuscoli. 
Se riuscissi a incontrare qualcun'altra. 
Le probabilità che questo succeda sono sempre di meno visto che non sono capace di stabilire un contatto visivo con una donna che non conosco. 
Forse dovrei tornare con Naomi. 
Lei era carina. Era bello che fosse carina. 
Lei mi amava,..."
- Se mi lasci ti cancello -
- Focus Features - 2004 -


Boosta - 1993

Per tutti coloro che "soffrono" per amore, nel bene e nel male, non dimenticate mai nessun momento, nessun attimo, nessuna emozione, ...anche se queste potranno farvi del male.
L'amore è semplice, non è complicato come vogliono farci credere, ...ma richiede responsabilità e spirito di sacrifico reciproco.

Buon S. Valentino 

venerdì, febbraio 10, 2017

Let me introduce you, ...two blogs



Permettete di presentarvi due blog, entrambi gestiti dalla stessa blogger.

Macchiato con zucchero
Nato nel 2011, narra le avventure di Anna Giulia, la quale si descrive così:

"Scrivo tante cose, la maggior parte delle quali perfettamente inutili. Altre solo vagamente. 
Film, televisione, studenti fuori sede, treni regionali e poco altro.
E con poco altro si intende vodka"


Da Torino a Tirana - Diario semiserio di una trentenne in trasferta
Un diario alla scoperta di due città che per Anna Giulia rappresentano molto.


Seguiteli